Blog Eventi

NetMediaEurope Italia

Homebox: i-sicurezza, domotica e energia low-cost di M2M Solution

M2M Solution, specialista delle soluzioni di trasmissione dati Machine-to-Machine, introduce un nuovo approccio delle interfacce di comunicazione destinate al grande pubblico con Homebox un’offerta “low cost” evolutiva che è stata presentata in dimostrazione allo stand del suo partner Texas Instrument (Stand 8A84) durante il Mobile Wolrd Congress di Barcellona.

Homebox è un’interfaccia domestica totalmente “Plug & Play” che consente l’interconnessione con tutta una gamma di apparecchiature di sicurezza (telecamere, rilevatori di apertura e di movimento, telecomandi, rilevatori di fumo eccetera), per la domotica relé, comandi di tapparelle avvolgibili e del riscaldamento, ecc.) e, prossimamente, per la gestione dell’energia (gestione dei consumi elettrici, dell’acqua e del gas).

Olivier Courtade, Presidente di M2M Solution, spiega: "Siamo orgogliosi di annunciare l’uscita della nostra nuova soluzione MyHome e della nostra Homebox. Questo annuncio costituisce una reale innovazione per il mercato. La nostra nuova offerta è già in prova presso diversi operatori telecom, che dovrebbero a breve proporre nuovi servizi ai loro clienti in materia di sicurezza domestica, di domotica e di multimedialità".

M2M Solution fornisce ai suoi partners, operatori telefonici o fornitori di servizi, tutti i moduli della sua Homebox, senza il proprio marchio: hardware, scheda SIM, infrastruttura server, applicativi su telefoni o PC, back-office, front-office e sistema di fatturazione. Tutti in grado di integrare la tecnologia Homebox e aumentare il valore e differenziare i loro servizi.

Il primo lancio commerciale di una soluzione basata sull’Homebox di M2M Solution è previsto dalla società Myxyty, che proporrà nel suo catalogo questo nuovo prodotto a complemento del suo prodotto di punta MyAlert.

La Homebox di M2M Solution consente: di attivare un sistema di allarme in tempo reale (via SMS, MMS, e-mail, chiamate vocali e fax); di controllare il proprio sistema da qualunque telefono portatile, da un PC o da un Mac; di visualizzare la propria abitazione attraverso la telecamera integrata nella Homebox e via telecamere supplementari; di funzionare anche in caso d’interruzione della rete elettrica o di internet: il sistema integra una batteria ed un collegamento ADSL + GSM.

Inserito il 28 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Il Wi-Fi Giapponese è targato Ericsson

Ericsson ha siglato un accordo con Melco Holdings, società capo gruppo di Buffalo, per dare in licenza il proprio brevetto per la tecnologia WiFi. Buffalo è il maggiore produttore giapponese nel settore WiFi con una quota di mercato del 60%.

Ericsson vanta il portfolio di brevetti completo che copre tecnologie quali GSM, GPRS, EDGE, WCDMA, HSPA e LTE.

Le ricerche pionieristiche di Ericsson sul GPRS e HIPERLAN/2 hanno costituito la base della tecnologia a pacchetto per i successivi standard di telefonia mobile quali HSPA e, più recentemente, l’ultimo standard WiFi, IEEE 802.11n. Grazie a questo precedente, Ericsson detiene i brevetti fondamentali che rappresentano la chiave per sviluppare i prodotti in una vasta gamma di tecnologie mobili, tra cui il WiFi.

Sempre più persone utilizzano applicazioni dati quali video ad alta definizione e gaming attraverso la rete wireless da casa, sui propri portatili e decoder. Dal momento che molte abitazioni sono collegate alla rete in fibra, il collo di bottiglia del data streaming risiede nel link wireless, tra la fibra e i dispositivi quali la TV e i laptop. Il più recente standard WiFi ad elevata capacità, IEEE 802.11n, offre la soluzione al problema con una velocità di download sensibilmente maggiore e permette a più utenti di accedere contemporaneamente attraverso la stessa connessione wireless ad applicazioni dati di grandi dimensioni, assicurando un’eccellente qualità di fruizione.

Kasim Alfalahi, Chief Intellectual Property Officer in Ericsson ha dichiarato: “Nel mercato ci sono segnali di uno spostamento di focus dalla connessione di luoghi e persone a quella di dispositivi e applicazioni. In linea con questa evoluzione, mettiamo a disposizione la nostra tecnologia per creare un eco-sistema dove tutti i produttori possano ottenerne l’utilizzo in licenza e a condizioni favorevoli. Molti fra i principali produttori di laptop e altri dispositivi potenziati con gli ultimi sviluppi del WiFi stanno negoziando una licenza con Ericsson.

Inserito il 28 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Alcatel-Lucent collabora con Telecom Italia per la rete mobile Lte

Con 40 tra contratti e installazioni pilota su LTE, Alcatel-Lucent occupa uno dei primi posti mondiali sulla strada delle tecnologie di rete di prossima generazione. Solo pochi giorni dopo aver annunciato il suo secondo accordo su LTE negli Usa con AT&T ( dopo quello con Verizon Wireless ) Alcatel-Lucent ha annunciato la sigla di un accordo di collaborazione con Telecom Italia per l’avvio di programma di sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche che include una sperimentazione della rete mobile di quarta generazione a larga banda LTE (Long Term Evolution).

Facendo leva sulle competenze di TILab e dei Bell Labs è stato avviato un trial LTE end-to-end. La sperimentazione servirà a comprendere come introdurre la tecnologia di accesso mobile di nuova generazione e a sfruttarne appieno le sue potenzialità in funzione dei nuovi servizi, riducendone nel contempo il time-to-market. A tal fine, il trial si focalizzerà anche sull’utilizzo di soluzioni di copertura per piccole celle (es. pico-cell) per ottimizzare le prestazioni ad alto throughput e bassa latenza in hot-spot e copertura indoor.

“Questo progetto LTE con Telecom Italia è esempio della nostra strategia di trasformazione”, ha dichiarato Stefano Lorenzi, amministratore delegato di Alcatel-Lucent Italia “L’ iniziativa è in linea con la nostra visione di Application Enablement e con la strategia High Leverage Network ”.

L’architettura di rete di Alcatel-Lucent è basata sulla strategia Converged RAN (Radio access network) che permette la scalabilità delle reti W-CDMA e la evoluzione verso l’LTE.

[Leggi: eWeek Europe]

Inserito il 28 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Vlingo aggiorna Facebook e Twitter con la voce

Vlingo, azienda produttrice dell’applicazione di comando vocale per telefoni cellulari, ha reso la voce una sorta di “finestra” sul telefono cellulare.
L'applicazione permette agli utenti di comporre messaggi di testo o email, chiamare gli amici, navigare su internet, aggiornare lo stato su Facebook o Twitter semplicemente parlando al proprio telefono.

Inserito il 28 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

L'italiana Rai e Nokia Siemens Networks insieme su Web e Mobile Tv

RAI e Nokia Siemens Networks testano soluzioni tecnologiche per la distribuzione di contenuti multimediali sia sulla larga banda residenziale che sui canali di telefonia mobile (Open Internet TV, WebTV e Mobile TV in Italia).

L’accordo di collaborazione, firmato dai vertici della RAI e di Nokia Siemens Networks, permetterà alle due aziende di sperimentare possibili utilizzi di nuove soluzioni tecnologiche, basate su fibra ottica per il trasporto di contenuti multimediali ad Alta Definizione, e di applicazioni mobili a banda larga

"Open Internet TV, WebTV e la televisione mobile, oggetto del presente accordo, stanno rapidamente emergendo grazie a nuovi sistemi tecnologici che consentono nuovi modi di fruire contenuti e servizi multimediali. Queste piattaforme tecnologiche si configurano oggi come una importante opportunità sia in termini di crescita di audience in nuovi segmenti d’utenza, soprattutto tra le fasce più giovani, che come potenziali generatori di ricavi" ha detto l’ingegner Luigi Rocchi, Direttore Strategie Tecnologiche RAI.

Inserito il 27 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Android sale su General Mobile Touch Stone

A Mwc diversi blogger hanno segnalato un cellulare che ha catalizzato la loro attenzione: si tratta di General Mobile (GM) Touch Stone, che ricorda un po' HTC Touch HD2: hardware beGeneral_mobile_touch_stone_mwcllo, equipaggiato con piattaforma Google Android.
 

Inserito il 25 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Chip Arm a 28 nanometri

GlobalFoundries e ARM hanno annunciato un accordo focalizzato sulla produzione da parte della prima di architetture basate su IP ARM. Al Mobile World Congress 2010 di Barcellona le due aziende hanno svelato alcuni dettagli su questa partnership: verrà usata tecnologia produttiva a 28 nanometri per la costruzione di dispositivi wireless di futura generazione.

Dalla seconda metà del 2009 GlobalFoundries metterà in moto la produzione di wafer a 28 nanometri, sfruttando tecnologia HKMG (High-K Metal Gate), nella propria Fab 1 di Dresda.

Inserito il 25 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

La ricetta 4G di Motorola: un po' di WiMax e un pizzico di Lte

Motorola ha presentato WBR 700, una piattaforma 4G LTE dalle capacità avanzate per una performance migliore a un minore costo per l’operatore. La divisione Networks di Motorola ha svelato al World Mobile Congress di Barcellona WBR 700, serie LTE eNodeB, la quarta generazione OFDM e la seconda su piattaforma LTE: capacità e densità in un rack 1U, uno dei più piccoli nell’industria eNodeB.  Un vero network wireless a banda larga, che supporta più connessioni dati e sessioni più lunghe.

Motorola ha annunciato anche una nuova base station, che combina capacità LTE di ultima generazione con un’avanzata efficienza GSM/E_EDGE. Mwc_mwc3

Una nuova base station radio dual-mode che protegge la migrazione da GSM a LTE, mentre una nuova unità base-band offre diverse opzioni di implementazione. E’ questa la promessa della serie di radio CTU8multi che viene presentata oggi da Motorola al Mobile World Congress: GSM di elevate capacità, EDGE evoluto e funzioni LTE sulle frequenze 900 e 1800 MHz. CTU8multi può supportare fino a 8 carriers GSm o GSM e LTE, garantendo un miglioramento di efficienza per le reti mobile e per un futuro passaggio all’LTE.

La divisione Network di Motorola arricchisce inoltre il proprio portfolio di servizi professionali con il nuovo service quality optimization (SQO) che, unendo la gestione di qualità del servizio (service quality management SQM) all’esperienza nell’ottimizzazione di rete,  sarà di supporto agli operatori nell’identificare nuove opportunità aggregando i dati degli utenti finali, misurando i risultati rispetto agli indicatori di qualità e apportando conseguenti modifiche agli elementi di rete e ai processi di business. La soluzione SQO di Motorola non solo permette agli operatori di monitorare rapidamente la rete ma anche di ricevere informazioni sull’esperienza degli utenti. Con questi dati è così più semplice rivedere e implementare un piano di servizio di qualità, lavorando sistematicamente sulle dimensioni e sulle risorse della rete.

Motorola e FiTEL ( First International Telecom) firmano il secondo contratto per servizi di rete mobile basati su tecnologia WiMAX in Taiwan. FITEL, principale operatore in Taiwan, ha affidato a Motorola l’incarico di diffondere una rete WiMAX nella parte settentrionale di Taiwan. Con questo secondo contratto stipulato con FITEL, Motorola rafforza il proprio ruolo di leader nella tecnologia WiMAX in Taiwan e a livello mondiale. I servizi di dati high speed mobile rappresentano un mercato in forte crescita per gli operatori, il nuovo network WiMAX Motorola permetterà infatti a FITEL di offrire servizi di intrattenimento digitale e di accesso broadband a basso costo, soddisfando le esigenze dei consumatori e creando nuovi flussi di dati.


Motorola Services, la soluzione LTE di Motorola from NetMediaEurope on Vimeo.

Inserito il 24 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Con Alcatel OT980 Android è low-cost

Il primo smartphone Android di Alcatel si chiama Alcatel OT-980 (dove Alcatel-ot-980_mwcOT è l'acronimo di One Touch). Ha un design slide con tastiera Qwerty a comparsa.

 


Equipaggiato con Android 1.6 Donut, ha uno schermo QVGA touchscreen a 2,8 pollici, dotato di accelerometro e fotocamera a 1600x1200 pixel di risoluzione (anche per registrare video).
Con 70 MB di memoria interna espandibili con schede microSD e microSDHC fino a 16 GB, è corredato del sistema di navigazione satellitare A-Gps con bussola digitale ed è integrato con Google Maps e l'eco-sistema Android.


Inserito il 22 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Ericsson vede 50 miliardi di dispositivi connessi entro il 2020

Hans Vestberg, Presidente e CEO di Ericsson, ha invitato l'industria delle Tlc a cogliere le nuove opportunità di crescita che si stanno prospettando, generando così un cambiamento in grado di apportare benefici per l'intera società.
"Unendo le nostre competenze e facendo leva su di esse, possiamo trasformare altri settori quali la sanità, i trasporti, i media, il Governo e le utilities. La banda larga non giocherà un ruolo chiave solo nella creazione di nuovi modelli di business in grado di trasformare il sistema economico, ma può contribuire anche a modificare il modo in cui lavoriamo e viviamo, al fine di ridurre le emissioni di CO2," ha dichiarato.

Nella sua presentazione, Vestberg ha descritto la trasformazione che sta attraversando la società, il business e in particolar modo le persone. Il cambiamento nei comportamenti degli individui e la crescita degli abbonamenti al mobile broadband già in atto confermano infatti la tendenza verso la visione Ericsson dei 50 miliardi di dispositivi connessi entro il 2020. "Le persone vogliono connettività e sono disposte a pagare per questo," ha affermato.

Ericsson ConsumerLab ha appena condotto uno studio, dove gli intervistati hanno dichiarato che un range accettabile di spesa per connettere più dispositivi oscilla tra i 29 e i 46 dollari mensili.
"Ci troviamo in una situazione unica. Sono ottimista sulle prospettive della nostra industria, ma ci sono sfide da affrontare. Dobbiamo promuovere la standardizzazione per ridurre i costi e aumentare il traffico e abbiamo bisogno di piani di pagamento differenziati," ha ribadito.

La banda larga mobile non è più un elemento utile ma non indispensabile. E' diventata una necessità. "Se in passato decidevamo quando essere online, ora decidiamo quando disconnetterci," ha sottolineato Vestberg. "Il desiderio di essere sempre connessi e di beneficiare di prezzi più bassi per smartphone, laptop e netbook danno alla nostra industria un'enorme possibilità di crescita."

Il CEO di Ericsson ha evidenziato come questo cambiamento nelle Tlc non impatterà solo i paesi più sviluppati. "Ci troviamo oggi di fronte a due grandi sfide: la povertà e l'emergenza climatica. La nostra industria può giocare un ruolo estremamente importante rispetto a entrambe queste problematiche," ha concluso Vestberg.

Inserito il 22 di febbraio 2010 in Mobile World Congr. 10
Permalink | Commenti (0)

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Pubblicità